Il titolo di questo primo articolo mi è venuto di getto:

la canzone “Change” dei tears for fears (lacrime di paura) diceva negli anni ’80:

“Change…you can  change…”(Cambia…puoi cambiare!)

Quelle lacrime di paura che, qualche volta (spero mai) potrebbero apparire

sui nostri occhi vedendo le mensole porta-lavori vuote…

I laboratori odontotecnici, come molte altre attività, sono in sofferenza (…la chiamiamo crisi?)

per i tempi di recessione che stiamo vivendo: le regole sono cambiate!!

Viviamo in tempi travagliati, gli ultimi anni ci hanno portato una sfilata costante di paura e panico nei titoli dei giornali, nei consigli di amministrazione ed attorno ai tavoli di cucina da una parte all’ altra dell’ America.

La globalizzazione, l’acquisto di beni e servizi all’ estero, i ridimensionamenti, i pignoramenti e mutui subprime, i fallimenti di wall street, la recessione…è solo una brutta notizia dopo l’ altra…..

Naturalmente sono tutte cose che sai già.

Ma quello che forse non sai è questo: niente di tutto ciò è realmente una novità, ci è voluta una grossa crisi economica perchè la gente cominciasse a diventare consapevole del fatto che i suoi mezzi di sussistenza fossero a rischio..

Ma il tuo reddito non è diventato a rischio dall’ oggi al domani: è sempre stato a rischio!

Dico questo da anni: non esiste un posto di lavoro sicuro e tranquillo!!

La busta paga si chiama “scambiare il tuo tempo con il denaro” e, durante una recessione, è la fonte di reddito esistente meno affidabile.

Perchè?

Perchè quando il numero di persone occupate comincia a calare, c’è meno reddito disponibile in circolazione per pagare il tuo tempo.

Tratto da “Il business del 21 secolo” di Robert Kiyosaki

Ti faccio una domanda, caro collega odontotecnico:

credi sia più rischioso avere una busta paga da dipendente  o uno stipendio da titolare?

Pensa un attimo prima di rispondere…

Qualche anno fa, sono sicuro, molti avrebbero risposto che essere titolari esponesse a grandi rischi…

Forse oggi gli stessi che allora risposero in quel modo si potrebbero essere ricreduti!

Personalmente, da titolare di laboratorio, ho sempre portato a casa un minimo per vivere, sai quanti collaboratori ho dovuto, a malincuore, licenziare?

Anche padri di famiglia….ma se non c’è lavoro??Che si fa?

Avrai capito da un pezzo, nel caso tu non abbia un laboratorio odontotecnico tuo, chi rischia di più…

Ed allora cosa fare?

La parola d’ ordine è riciclarsi e guardarsi intorno.

DAniele